ResearchPad - 15 https://www.researchpad.co Default RSS Feed en-us © 2020 Newgen KnowledgeWorks <![CDATA[Letter: Safety Considerations for Neurosurgical Procedures During the COVID-19 Pandemic]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12398 <![CDATA[Letter: News From the COVID-19 Front Lines: How Neurosurgeons Are Contributing]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12350 <![CDATA[Letter: Implementation of a Neurosurgery Telehealth Program Amid the COVID-19 Crisis—Challenges, Lessons Learned, and a Way Forward]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12340 <![CDATA[In Reply: The Coronavirus Disease 2019 Global Pandemic: A Neurosurgical Treatment Algorithm]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12325 <![CDATA[Letter: Anosmia in COVID-19: Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2 Through the Nasoliary Epithelium and a Possible Spreading Way to the Central Nervous System—A Purpose to Study]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12296 <![CDATA[Letter: Preliminary National Survey Results Evaluating the Impact of COVID-19 Pandemic on Medical Students Pursuing Careers in Neurosurgery]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12287 <![CDATA[Letter: Neurosurgery Residency in the COVID-19 Era: Experiences and Insights From Thomas Jefferson University Hospital, Philadelphia, Pennsylvania]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12283 <![CDATA[In Reply: Precautions for Endoscopic Transnasal Skull Base Surgery During the COVID-19 Pandemic]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_12278 <![CDATA[Renaissance of Radiotherapy in Intestinal Lymphoma? 10‐Year Efficacy and Tolerance in Multimodal Treatment of 134 Patients: Follow‐up of Two German Multicenter Consecutive Prospective Phase II Trials]]> https://www.researchpad.co/article/elastic_article_6608 This article reports the details of radiation therapy in the therapeutic multimodality approach for treatment of patients with intestinal lymphoma.

]]>
<![CDATA[Letter: Back Pain and Accesses to Emergency Departments During COVID-19 Lockdown in Italy]]> https://www.researchpad.co/article/N721043c3-45dc-413d-975b-74eff1c9fe80 <![CDATA[Letter: The Resiliency of the Neurosurgeon in the Midst of COVID-19 Pandemic Storm: The Italian Experience From the Frontline]]> https://www.researchpad.co/article/Na1ca87f4-ca73-496c-9251-7630211e4e8b <![CDATA[Nutrients recycle and the growth of Scenedesmus obliquus in synthetic wastewater under different sodium carbonate concentrations]]> https://www.researchpad.co/article/Nd9f89941-8238-4549-a114-6c8eddec66e8

This study illustrated the growth of Scenedesmus obliquus and recycle of nutrients in wastewater combined with inorganic carbon under autotrophic conditions. Scenedesmus obliquus was cultivated under different conditions by adding sodium carbonate (Na2CO3) at 15–40 mg l−1 separately in wastewater containing high nitrogen and phosphorus content. The growth characteristics of S. obliquus, pH and dissolved inorganic carbon (DIC) changes of microalgae liquid, the recycle rate of ammonia and phosphorus and lipid content were determined. The changes of pH and DIC showed that S. obliquus could use Na2CO3 to grow, with lipid contents of 18–25%. Among all Na2CO3 concentrations, 20 mg l−1 was the optimum, of which S. obliquus had the highest NH3-N recycle of 52% and PO43P recycle of 67%. By the 14th day, its biomass production also reaches the maximum of 0.21 g l−1. However, inorganic carbon fixation rate was inversely proportional to its concentration. Moreover, the biomass was in positive correlation with the Na2CO3 concentration except 20 mg l−1, which provided a possibility that S. obliquus could be acclimatized to adjust to high concentrations of inorganic carbon to promote biomass accumulation and recycle of nutrients.

]]>
<![CDATA[Graphene quantum dot electrochemiluminescence increase by bio-generated H2O2 and its application in direct biosensing]]> https://www.researchpad.co/article/N27bd9237-1356-4815-b8bc-ac1feee46e96

In this study, a novel signal-increase electrochemiluminescence (ECL) biosensor has been developed for the detection of glucose based on graphene quantum dot/glucose oxidase (GQD/GOx) on Ti foil. The proposed GQD with excellent ECL ability is synthesized through a green one-step strategy by the electrochemical reduction of graphene oxide quantum dot. Upon the addition of glucose, GOx can catalytically oxidize glucose and the direct electron transfer between the redox centre of GOx and the modified electrode also has been realized, which results in the bio-generated H2O2 for ECL signal increase in GQD and realizes the direct ECL detection of glucose. The signal-increase ECL biosensor enables glucose detection with high sensitivity reaching 5 × 10−6 mol l−1 in a wide linear range from 5 × 10−6 to 1.5 × 10−3 mol l−1. Additionally, the fabrication process of such GQD-based ECL biosensor is also suitable to other biologically produced H2O2 system, suggesting the possible applications in the sensitive detection of other biologically important targets (e.g. small molecules, protein, DNA and so on).

]]>
<![CDATA[A unified rheological model for cells and cellularised materials]]> https://www.researchpad.co/article/N72dc4ef1-00b8-4912-9b5e-9dc6ea6b2d94

The mechanical response of single cells and tissues exhibits a broad distribution of time-scales that often gives rise to a distinctive power-law rheology. Such complex behaviour cannot be easily captured by traditional rheological approaches, making material characterisation and predictive modelling very challenging. Here, we present a novel model combining conventional viscoelastic elements with fractional calculus that successfully captures the macroscopic relaxation response of epithelial monolayers. The parameters extracted from the fitting of the relaxation modulus allow prediction of the response of the same material to slow stretch and creep, indicating that the model captured intrinsic material properties. Two characteristic times, derived from the model parameters, delimit different regimes in the materials response. We compared the response of tissues with the behaviour of single cells as well as intra and extra-cellular components, and linked the power-law behaviour of the epithelium to the dynamics of the cell cortex. Such a unified model for the mechanical response of biological materials provides a novel and robust mathematical approach to consistently analyse experimental data and uncover similarities and differences in reported behaviour across experimental methods and research groups. It also sets the foundations for more accurate computational models of tissue mechanics.

]]>
<![CDATA[Prediction of polyproline II secondary structure propensity in proteins]]> https://www.researchpad.co/article/N455a20f0-8aef-4ba9-93e2-b6a96b069556

Background: The polyproline II helix (PPIIH) is an extended protein left-handed secondary structure that usually but not necessarily involves prolines. Short PPIIHs are frequently, but not exclusively, found in disordered protein regions, where they may interact with peptide-binding domains. However, no readily usable software is available to predict this state. Results: We developed PPIIPRED to predict polyproline II helix secondary structure from protein sequences, using bidirectional recurrent neural networks trained on known three-dimensional structures with dihedral angle filtering. The performance of the method was evaluated in an external validation set. In addition to proline, PPIIPRED favours amino acids whose side chains extend from the backbone (Leu, Met, Lys, Arg, Glu, Gln), as well as Ala and Val. Utility for individual residue predictions is restricted by the rarity of the PPIIH feature compared to structurally common features. Conclusion: The software, available at http://bioware.ucd.ie/PPIIPRED, is useful in large-scale studies, such as evolutionary analyses of PPIIH, or computationally reducing large datasets of candidate binding peptides for further experimental validation.

]]>
<![CDATA[MagnEdit—interacting factors that recruit DNA-editing enzymes to single base targets]]> https://www.researchpad.co/article/N2ea1e5c1-7a7a-48e5-a312-3ce20a796316

This study reports a new, non-covalent strategy—called MagnEdit—that attracts the DNA cytosine deaminase APOBEC3B to a Cas9-directed site for C-to-T editing.

]]>
<![CDATA[GuUGT, a glycosyltransferase from Glycyrrhiza uralensis, exhibits glycyrrhetinic acid 3- and 30-O-glycosylation]]> https://www.researchpad.co/article/N7b935c4a-d30c-45d7-adb0-9b91e17f3eb0

Glycyrrhiza uralensis is a well-known herbal medicine that contains triterpenoid saponins as the predominant bioactive components, and these compounds include glycyrrhetinic acid (GA)-glycoside derivatives. Although two genes encoding UDP-glycosyltransferases (UGTs) that glycosylate these derivates have been functionally characterized in G. uralensis, the mechanisms of glycosylation by other UGTs remain unknown. Based on the available transcriptome data, we isolated a UGT with expression in the roots of G. uralensis. This UGT gene possibly encodes a glucosyltransferase that glycosylates GA derivatives at the 3-OH site. Biochemical analyses revealed that the recombinant UGT enzyme could transfer a glucosyl moiety to the free 3-OH or 30-COOH groups of GA. Furthermore, engineered yeast harbouring genes involved in the biosynthetic pathway for GA-glycoside derivates produced GA-3-O-β-D-glucoside, implying that the enzyme has GA 3-O-glucosyltransferase activity in vivo. Our results could provide a frame for understand the function of the UGT gene family, and also is important for further studies of triterpenoids biosynthesis in G. uralensis.

]]>
<![CDATA[Atti del 52° Congresso Nazionale]]> https://www.researchpad.co/article/N40742df4-0c85-42be-960e-c80df7e02214

Nel promuovere e gestire i cambiamenti necessari per coniugare pratiche sicure ed efficaci con l’efficienza, l’equità e la sostenibilità dei servizi sanitari, essenziale è la conoscenza, la diffusione e l’adesione alle raccomandazioni per la pratica professionale derivanti da linee guida (LG). In Italia la Legge 24/2017 (“Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”), stabilendo che “gli esercenti le professioni sanitarie, nell’esecuzione delle prestazioni sanitarie con finalità preventive, diagnostiche, terapeutiche, palliative, riabilitative e di medicina legale, si attengono, salve le specificità del caso concreto, alle raccomandazioni previste dalle linee guida pubblicate ed elaborate da enti e istituzioni pubblici e privati nonché dalle società scientifiche e dalle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie iscritte in apposito elenco”, ha rinnovato l’impulso legislativo, culturale, professionale e scientifico alla diffusione delle LG nel Servizio Sanitario Nazionale. L’attuale quadro regolamentare italiano prevede che la loro produzione venga garantita sulla base degli standard di predisposizione e valutazione della qualità metodologica definiti dal Centro Nazionale per l’Eccellenza Clinica (CNEC) dell’Istituto Superiore di Sanità, punto di riferimento per l’attuazione del nuovo Sistema Nazionale Linee Guida (istituito con il DM 27 febbraio 2018) (https://snlg.iss.it).

Secondo la vigente definizione adottata dal CNEC, le LG sono uno “strumento di supporto decisionale finalizzato a consentire che, fra opzioni alternative, sia adottata quella che offre un migliore bilancio fra benefici ed effetti indesiderati, tenendo conto della esplicita e sistematica valutazione delle prove disponibili, commisurandola alle circostanze peculiari del caso concreto e condividendola-laddove possibile-con il paziente o i caregiver”. Le linee guida servono dunque a supportare i processi decisionali che connotano la pratica professionale preventiva, diagnostica, terapeutica e assistenziale, ma anche le scelte manageriali e le politiche sanitarie. Ai diversi livelli del sistema sanitario, infatti, la disponibilità di LG è fondamentale per contrastare alcune delle criticità sistemiche della sanità connesse, tra l’altro, all’erogazione di cure di qualità sub-ottimale, alla variazione ingiustificata di pratiche ed esiti e alle diseguaglianze, in un quadro di risorse limitate.

Se dunque oggi il valore delle linee guida per la pratica clinica è indiscutibile in tutti gli ambiti disciplinari della medicina, peculiare è il significato, professionale e organizzativo, che le stesse possono assumere nello sviluppo e nella specifica applicazione alla sanità pubblica. In particolare, la sanità pubblica si caratterizza per: la forte eterogeneità nelle evidenze scientifiche disponibili (non di rado costituite solamente da studi osservazionali), l’adozione di un approccio di population health e la frequente individuazione di target costituiti da persone sane, la molteplicità (anche in relazione all’importanza attribuita dagli stakeholder coinvolti) degli ambiti di produzione di linee guida (www.who.int/publications/guidelines), degli interventi sanitari e degli outcome individuati nei contesti reali (e non di ricerca), condizionati da una molteplicità di variabili culturali, organizzative, socio-economiche e ambientali.

Spesso le raccomandazioni prodotte in sanità pubblica sono destinate ad avere un impatto quali-quantitativamente molto rilevante sul sistema sanitario e necessitano di modelli in grado di prevederne l’implementazione, non sempre agevolmente correlabili alle evidenze scientifiche disponibili a priori. Altresì, il percorso di costruzione del consenso e implementazione degli interventi è articolato e complesso. In misura maggiore rispetto ad altre discipline mediche, i comportamenti degli operatori non si basano solo sulle conoscenze tecnico-scientifiche disponibili (talora limitate e non sempre esplicitamente generalizzabili), ma risentono e sono condizionati da dettati normativi, meccanismi di consenso locale, eterogeneità di strutture erogatrici e risorse (professionali, organizzative e tecnologiche), nonché da relazioni con una molteplicità di portatori di interesse dentro e fuori il sistema sanitario (che a loro volta esprimono valori e preferenze anche contrastanti).

Il metodo scelto dal CNEC (e adottato anche dall’Agenzia Italiana del Farmaco per le valutazioni di propria competenza) per la produzione di linee guida è il metodo GRADEGrading of Recommendations Assessment, Development and Evaluation – che costituisce oggi la principale cornice riferimento per la valutazione di affidabilità delle prove scientifiche e per la formulazione di raccomandazioni cliniche basate sulle evidenze in sanità: viene utilizzato da più di 100 organizzazioni in tutto il mondo comprendenti anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il National Institute for Health and Care Excellence (www.gradeworkinggroup.org). Il GRADE assicura standardizzazione e trasparenza della procedura con cui viene valutata la qualità delle prove disponibili e la forza delle raccomandazioni per la produzione di linee guida, favorendo una valutazione integrata della qualità metodologica delle prove disponibili con altri aspetti che devono essere considerati per sviluppare e stabilire la forza di una raccomandazione, mediante i cosiddetti Evidence to Decision Framework, quali: priorità della problematica trattata (es. impatto sanitario, variabilità, costi), benefici e rischi attesi, valori e preferenze dei pazienti, costo-efficacia, accettabilità, fattibilità ed equità. Il GRADE offre un approccio flessibile e pragmatico che può essere applicato sia alla produzione di una linea guida ex novo che all’adattamento di linee guida già esistenti, per le quali si applicano gli schemi di GRADE-ADOLOPMENT, calibrati su un determinato contesto culturale e organizzativo. Il panel di esperti (gruppi di lavoro multidisciplinari e multistakeholder che sistematicamente devono coinvolgere anche utenti/cittadini) definisce chiaramente la domanda di ricerca, il protocollo condiviso secondo l’acronimo PICO (Patient-Intervention-Comparator-Outcome) per l’analisi della qualità delle prove di evidenza ed esprimere giudizi sui diversi criteri di valutazione necessari alla formulazione e valutazione della forza delle raccomandazioni. Mediante una gestione trasparente (e una particolare attenzione alla disclosure e alla gestione dei conflitti di interesse dei membri dei panel), fortemente ancorata al mondo reale, con il processo di “evidence to decision” il GRADE si pone l’obiettivo di ordinare per gradi la forza delle raccomandazioni espresse dai panel di esperti in modo da offrire strumenti interpretativi e decisionali per pazienti/utenti, clinici e decisori sanitari. La rappresentatività e il coinvolgimento con modalità strutturate di tutte le figure competenti e rilevanti per i quesiti e sulle raccomandazioni in oggetto costituisce un aspetto fondamentale di qualità e credibilità della linea guida.

Accanto alla chiara affinità tra metodo GRADE e logiche epidemiologiche e di centralità di un approccio multidimensionale, multidisciplinare e inter-professionale che caratterizza il processo decisionale in sanità pubblica, è interessante evidenziare l’opportunità della promozione dell’applicazione del GRADE per gli igienisti sia nella veste di proponenti, esperti per gli ambiti tecnico-scientifici di propria competenza e destinatari “professionali” delle raccomandazioni, che in qualità di manager e decisori che possono essere coinvolti nei panel (anche su pratiche di non esclusiva pertinenza della sanità pubblica), nonché, naturalmente di metodologi, parte dei team di revisione della letteratura e a supporto dell’utilizzo del metodo stesso che richiede una specifica formazione e competenza.

Gli indirizzi sulle LG comprendono anche la fase di implementazione attinente come a partire dalle raccomandazioni prodotte e diffuse si riesce ad incidere sui comportamenti professionali, ovvero colmare il gap tra ricerca e pratica professionale. Questo richiede leadership e facilitazione del giusto mix di interventi (preferibilmente multifattoriali) di supporto al cambiamento (audit & feedback, interventi formativi mirati, processi di consenso locali, uso di strumenti di comunicazione, ecc), calibrati su ostacoli e fattori favorenti l’adozione delle linee guida. L’implementazione di LG promuove la gestione e la condivisione di informazioni, conoscenze e pratiche che favoriscono un approccio trasversale rispetto alle funzioni e ai team di lavoro che promuove l’integrazione (sia all’interno che con l’esterno delle organizzazioni sanitarie) e può assicurare processi decisionali più affidabili ed efficienti.

La coerenza tra raccomandazioni per l’ottimizzazione dell’efficacia e altre dimensioni della qualità dell’intervento sanitario (quali sicurezza, accessibilità ed equità) con le esigenze di efficienza e razionalità organizzativa dei servizi configura un importante ancoraggio delle LG al paradigma emergente del valore in sanità. Costruire una sanità basata sul valore implica una chiara analisi del profilo di efficacia degli interventi sanitari e la disponibilità di robusti strumenti valutativi e infrastrutture digitali di supporto alla misurazione accurata e tempestiva dei dati epidemiologici della popolazione, da trasformare in informazioni cliniche rilevanti per integrare e analizzare tutti i passaggi (e i risultati ottenuti) del ciclo di assistenza in oggetto e da correlare costantemente con i costi sostenuti dal sistema sanitario. Massimizzare il valore, ovvero gli esiti prodotti in relazione alle risorse a disposizione, per gli individui e le popolazioni presuppone l’adozione di criteri di finanziamento e di gestione delle risorse (umane e organizzative) e soluzioni tecnologiche che facilitino la costruzione di reti e percorsi, da coniugare con la capacità di tradurre i risultati della ricerca sanitaria e le best practice in raccomandazioni. D’altro canto, la diffusione di pratiche sicure, efficaci e appropriate consente di concorrere in maniera determinante all’uniformità di tassonomia, modelli e comportamenti professionali in contesti decisionali affini, ovvero di contribuire a standardizzare l’operatività dei servizi, aspetto quest’ultimo rilevante nel contesto della sanità pubblica italiana e delle sue articolazioni operative territoriali.

L’adozione di linee guida ovviamente presenta anche aspetti di criticità, legati all’effettiva traduzione dei risultati della ricerca e dell’innovazione in comportamenti professionali diffusi e virtuosi; ma anche all’adeguatezza delle LG e dei correlati processi decisionali di fronte a quesiti o target di popolazione per loro natura complessi, come quelli che si incontrano per esempio nel produrre indirizzi che siano effettivamente rispondenti alle esigenze di prevenzione e personalizzazione dell’assistenza del “paziente complesso”. A ciò vanno aggiunte alcune difficoltà organizzative e professionali che connotano l’odierna fase di avvio della concreta applicazione del metodo GRADE allo sviluppo delle raccomandazioni per la pratica clinica proposto nel “nuovo Sistema Nazionale Linee Guida”. Per esempio, rispetto alla sanità pubblica, pur esistendo oggi molte LG autorevoli e di diffusa applicazione, queste spesso risultano essere datate e realizzate con meccanismi di consenso e formulazione delle raccomandazioni di tipo tradizionale, rendendo dunque necessari aggiornamenti e adattamenti secondo le menzionate modalità di lavoro proposte a livello nazionale e internazionale per produrre linee guida di alta qualità.

Per operare nel quadro della nuova cornice metodologica sulle LG, ai medici e agli altri professionisti sanitari, ai manager e ai policy maker della sanità, al mondo accademico e alle società scientifiche è richiesto un investimento prioritario nella gestione di conoscenze fondate su un approccio scientifico, strutturato e trasparente alla definizione dell’efficacia e dell’appropriatezza degli interventi medici. In questo contesto nazionale, per gli igienisti in collaborazione con tutti gli attori della Sanità Pubblica, è strategico un impegno permanente sulla tematica delle linee guida, da sostenere anche mediante azioni di formazione, condivisione di conoscenza e di comunicazione. Valorizzare l’applicazione critica di strumenti per governare i processi decisionali secondo logiche di partecipazione e fiducia reciproca tra gli stakeholder è fondamentale per il perseguimento degli obiettivi di ottimizzazione della qualità e della sostenibilità nel Servizio Sanitario Nazionale, a beneficio dei cittadini-pazienti e della società nella sua globalità.

]]>
<![CDATA[Simulation analysis for tumor radiotherapy based on three‐component mathematical models]]> https://www.researchpad.co/article/5ca25e4bd5eed0c4846d64b8

Abstract

Objective

To setup a three‐component tumor growth mathematical model and discuss its basic application in tumor fractional radiotherapy with computer simulation.

Method

First, our three‐component tumor growth model extended from the classical Gompertz tumor model was formulated and applied to a fractional radiotherapy with a series of proper parameters. With the computer simulation of our model, the impact of some parameters such as fractional dose, amount of quiescent tumor cells, and α/β value to the effect of radiotherapy was also analyzed, respectively.

Results

With several optimal technologies, the model could run stably and output a series of convergent results. The simulation results showed that the fractional radiotherapy dose could impact the effect of radiotherapy significantly, while the amount of quiescent tumor cells and α/β value did that to a certain extent.

Conclusions

Supported with some proper parameters, our model can simulate and analyze the tumor radiotherapy program as well as give some theoretical instruction to radiotherapy personalized optimization.

]]>
<![CDATA[Nonulosonic acids contribute to the pathogenicity of the oral bacterium Tannerella forsythia]]> https://www.researchpad.co/article/5c94e7d6d5eed0c484654ab6

Periodontitis is a polymicrobial, biofilm-caused, inflammatory disease affecting the tooth-supporting tissues. It is not only the leading cause of tooth loss worldwide, but can also impact systemic health. The development of effective treatment strategies is hampered by the complicated disease pathogenesis which is best described by a polymicrobial synergy and dysbiosis model. This model classifies the Gram-negative anaerobe Tannerella forsythia as a periodontal pathogen, making it a prime candidate for interference with the disease. Tannerella forsythia employs a protein O-glycosylation system that enables high-density display of nonulosonic acids via the bacterium's two-dimensional crystalline cell surface layer. Nonulosonic acids are sialic acid-like sugars which are well known for their pivotal biological roles. This review summarizes the current knowledge of T. forsythia's unique cell envelope with a focus on composition, biosynthesis and functional implications of the cell surface O-glycan. We have obtained evidence that glycobiology affects the bacterium's immunogenicity and capability to establish itself in the polymicrobial oral biofilm. Analysis of the genomes of different T. forsythia isolates revealed that complex protein O-glycosylation involving nonulosonic acids is a hallmark of pathogenic T. forsythia strains and, thus, constitutes a valuable target for the design of novel anti-infective strategies to combat periodontitis.

]]>